10/04/2019

MATTHEW DEANE: UNA STORIA AMERICANA

MV Agusta entra nella vita delle persone, e questo per noi è il miglior riconoscimento, qualcosa che ci consente davvero di dire che le nostre moto sono "qualcosa di più".

Abbiamo ricevuto una storia bellissima dal nostro American #aMVassador Matthew. Una storia che desideriamo condividere con tutta la Famiglia MV Agusta.

 

Cara MV Agusta,

Nel 1992, all'età di 19 anni, ho lavorato come meccanico per Alan Docking Racing, una squadra di Formula 3. Il nostro pilota era Marcel Albers, che acquistò una 750 con l'intenzione di restaurarla e regalarla a suo padre, Jacques Albers, come regalo. Sfortunatamente Marcel non ha mai avuto la possibilità di iniziare il restauro poiché è rimasto tragicamente ucciso in un incidente di gara al Thruxton Circuit, nell'Hampshire, durante il terzo round della stagione di Formula 3 britannica del 1992. Rimasi devastato dalla sua scomparsa. Per questo il mio capo, Alan Docking, suggerì che un bel modo per affrontare positivamente il mio dolore sarebbe stato quello di eseguire il restauro di quella 750, ormai semi-smontata, coperta di polvere e relegata in un angolo della nostra officina, per soddisfare il sogno di Marcel di restaurarla e offrirla a suo padre.


Nei mesi successivi assunsi l'incarico di ripristinare completamente questa bellissima moto. Ogni dado e bullone venne nuovamente cromato o sostituito, i carburatori meticolosamente ricostruiti, le ruote rigonfiate e la verniciatura riportata alle condizioni originali. Prima di iniziare la costruzione, mi unii al club dei proprietari MV Agusta per assicurarmi di non aver commesso errori. Ricordo di aver parlato con molti appassionati, per imparare quanto più possibile sulla moto. La maggior parte di loro mi disse di non lucidare il carter, perché molte erano le MV che subivano questa disastrosa modifica estetica. Finalmente la moto fu sistemata, accendere il motore per la prima volta fu esaltante! il suono del motore che passava diretto nel tubo di scarico libero è impossibile da dimenticare. Non guidai mai la moto prima che venisse presentarla al padre di Marcel, poiché ero terrorizzato all'idea di farla cadere e danneggiarla, ma mi promisi fin da allora di possedere una MV tutta mia. Così, 18 anni dopo, acquistai una F4-1000 nel 2006 in rosso e argento. Purtroppo, avendo dovuto cambiare casa e con l'arrivo di mio figlio, dovetti vendere la moto.

Recentemente tuttavia ho acquistato una Brutale America RR N°4, una motocicletta davvero degna del suo nome America! Anche se ho perso i contatti con Jacques Albers, la mia intenzione è di un giorno rintracciarlo e ottenere una foto della bici restaurata accanto al mio nuovo Brutale.

Grazie mille a voi che progettate moto così belle.

Cordiali saluti

Matt